SCOPERTA MAXI TRUFFA dei sindacati all’ INPS.!Usano anche i morti,rubati 2 milioni

Immagine

sindacati

Bechis: i Caf, attraverso dichiarazioni dei redditi false, avrebbero sottratto 2 mln all’ente utilizzando 21mila defunti

Ci sono 20.992 fantasmi che fra il 2008 e il 2010 hanno inviato all’Inps – debitamente firmato – il riassunto della propria condizione reddituale e patrimoniale. Sono 20.922 fantasmi perché tutti erano deceduti da tempo. Eppure dalle pratiche arrivate all’Inps sono risultati tutti improvvisamente risuscitati, hanno fatto due conti in casa e si sono recati al proprio Caf del sindacato di fiducia per firmare le dichiarazioni Ise e Isee. Per ognuno di quei moduli falsi il Caaf del sindacato di turno ha ricevuto un rimborso statale che oscillava fra 10 e 16,50 euro.

È accaduto in Campania, Calabria e Sicilia. Per un po’ tutto è passato in cavalleria. Poi gli 007 dell’istituto di previdenza pubblica guidato da Antonio Mastrapasqua si sono accorti che qualcosa non quadrava. E hanno scoperto che non c’erano solo i 20.992 morti resuscitati giusto per fare quadrare i bilanci dei sindacati truffando l’Inps. I falsi dei Caaf sindacali erano decine di migliaia di più, dai morti viventi agli indigenti che cambiavano reddito (e quindi dovevano fare una nuova dichiarazione Isee) sette volte in un mese, a quelli che cambiavano residenza venti volte in un anno, trasferendosi dalla Campania alla Sicilia o alla Calabria e viceversa, a quelli che presentavano la stessa dichiarazione lo stesso giorno in due regioni diverse. Una maxi truffa, che ha costretto gli ispettori dell’Inps a rivolgersi alla procura della Repubblica di Roma presentando regolare denuncia. Lo rivela Stefano Livadiotti sul numero dell’Espresso in edicola oggi. Anche Libero è riuscito a trovare in procura le carte dello scandalo che sta facendo tremare le organizzazioni sindacali nel Mezzogiorno di Italia. Perché – chi più, chi meno – nella truffa sono coinvolti praticamente tutte le sigle dei centri di assistenza fiscale italiani: da quelle dei sindacati tradizionali come Uil, Cgil, Cisl, Ugl e Confsal, alle varie federazioni dei pensionati, a quelle artigianali, dal mondo social comunista a quello cattolico.I falsi più rilevanti sono stati commessi dal Caaf Acai dipendenti e pensionati srl (13.705). L’Acai è l’associazione cristiana artigiani italiani, che costituì nel 1998 il suo centro di assistenza fiscale. L’altro campione di falsi è invece il Caaf dipendenti e pensionati Usppidap srl, e qui in imbarazzo finisce anche il sistema politico. Perché il Caaf Usppidap nasce nel 2001dalla fusione delle federazioni pensionati Fe.n.p.i. e F.n.ua., ex Usppi Pensionati e Agricoltura e il protagonista di quella fusione fu il sindacalista che aveva guidato come segretario generale entrambe le federazioni: Vincenzo Iovine. Dal 2009 fa l’europarlamentare, dopo essere stato candidato da Antonio Di Pietro nell’Italia dei Valori. Una volta ottenuto il seggio Iovine però ha cambiato bandiera, ed è passato armi e bagagli nell’Api di Francesco Rutelli. Ora la clamorosa truffa del Caaf da lui fondato all’Inps rischia di creare nuovo imbarazzo politico.Lo scandalo della maxi truffa sindacale all’Inps secondo i magistrati che hanno iniziato le loro indagini potrebbe essere di proporzioni ancora più ampie rispetto a quanto finora emerso. Gli ispettori dell’istituto si sono messi a controllare le dichiarazioni Ise e Isee (che servono ai cittadini per ottenere prestazioni sociali di vario tipo) in solo tre regioni, perché da lì erano emerse singole irregolarità. È  vero che in Campania, Sicilia e Calabria i Caaf dei sindacati presentano il 42% delle dichiarazioni Isee compilate in Italia, ma non è affatto escluso che  la truffa sia presente in altre regioni. Perché ad avere i vantaggi è soprattutto il Caaf, più che il cittadino associato alla dichiarazione reddituale e patrimoniale. Questo è lampante nel caso delle dichiarazioni dei 20.992 morti viventi, ma anche nelle altre tipologie irregolari, perché il cittadino più di una prestazione sociale non può ottenere. Mentre il Caaf ingrassa i propri bilanci con dichiarazioni multiple e false, che riescano a passare i controlli informatici dell’Inps (che prendono subito dichiarazioni multiple con lo stesso importo, ma non quelle false dello stesso soggetto per importi diversi). Solo con le dichiarazioni multiple false il Caaf Acai ha truffato all’Inps 215 mila euro, quello dell’europarlamentare dipietrista passato con Rutelli 136 mila euro, quello Ugl 133 mila euro, quello della Uil 117 mila euro, quello della Cisl 64 mila euro. I Caaf Cgil hanno truffato 27 mila euro in Campania, 26 mila in Sicilia e più di 8 mila euro in Calabria. Le false denunce ipotizzate solo a questa voce avrebbero causato all’Inps un danno di oltre 2 milioni di euro.di Franco Bechis

Colpo da cinque milioni al caveau di Vigilanza Sardegna, guardie giurate sospese

Sei guardie giurate sospese dall’incarico con l’accusa di “grave negligenza” nella maxi rapina, da 5 milioni di euro, avvenuta lo scorso ottobre nella sede della Vigilanza Sardegna, a Nuoro. NUORO  - Dopo la rapina a mano armata avvenuto lo scorso 14 ottobre a Nuoro, al caveau dell’Istituto Vigilanza Sardegna, il questore Pierluigi d’Angelo ha disposto l’avvio di un procedimento disciplinare … Continua a leggere

Vigilantes irregolari a Porto Cervo Armati ma senza autorizzazione

I due olbiesi sono stati denunciati. Vigilantes irregolari in servizio nelle ville della Costa Smeralda: nei guai finiscono un quarantenne e un trentenne di Olbia, che in uniforme e con arma nella fondina sono stati sorpresi all’interno di una villa di Porto Cervo: effettuavano vigilanza armata non autorizzata e sono stati denunciati dagli agenti del commissariato di Porto Cervo. Gli … Continua a leggere

Istituti di vigilanza privata non a norma, polizia denuncia tre agenzie del litorale domizio

CRONACA | Castel Volturno- Gli agenti del Commissariato di P.S. di Castel Volturno, diretto dal Vice Questore Aggiunto d.ssa Carmela D’Amore, e dagli uomini della Squadra Amministrativa della Questura di Caserta che hanno deferito alla Procura della Repubblica di S. Maria C.V.: C.P., C.L. e C.L., quali soci della cooperativa “La Custodia”, con sede in Località “Torre di Pescopagano”, perché, secondo … Continua a leggere

Nocera Inferiore, fiamme all’auto della Ipervigile: è subito giallo

    di Nello Ferrigno NOCERA INFERIORE. È della Ipervigile l’automobile distrutta dalle fiamme la sera di Ferragosto. La Fiat Punto era da tempo in sosta in via Alveo Santa Croce, una traversa della Statale 18, zona periferica di Nocera Inferiore. L’allarme è scattato poco dopo le 21 quando un passante ha visto le fiamme ed ha chiamato i vigili … Continua a leggere

Straordinari: anche nel 2014 la tassazione è al 10%

Arriva l’atteso Dpcm che prevede la proroga della tassazione agevolata al 10% per il lavoro straordinario. In particolare innalzato il tetto massimo a 3.000 euro annui e confermati i 40 mila di reddito per beneficiarne. Prorogata anche per il 2014 la detassazione per il lavoro straordinario svolto dai lavoratori dipendenti del settore privato. Il Dpcm 19 febbario 2014 fissa infatti i … Continua a leggere

Il furto va a vuoto: spari contro il vigilante

Citazione

“Ecco perchè a nostro parere, sugli allarmi gli Istituti di vigilanza devono essere obbligati con un apposita normativa, ad inviare DUE guardie giurate”

Paura alla Spedizioni Sda di via Salara, la guardia giurata: non hanno trovato soldi e hanno esploso tre colpi. Le immagini delle telecamere al vaglio dei carabinieri

Questo è solo un estratto, per leggere il testo completo vai all’articolo originale.

Cooperativa Vigilanza Sardegna: buco tributario da 13 milioni e guerra tra guardie

È la crisi di Vigilanza Sardegna, la cooperativa delle guardie giurate che ha sede legale a Cagliari in via Grecale 9: 13.258.231,21 euro di debito tributario, un’ispezione recentissima fatta dal ministero per lo Sviluppo economico proprio sui conti e una battaglia interna a colpi di carte bollate ancora sulla gestione economica, dopo 44 anni di storia. I soci lavoratori che si fanno … Continua a leggere

Castel Volturno, (CE) tre denunce per vigilanza privata “illegale”

CASTEL VOLTURNO ( CASERTA) - E’ una vera frontiera, la terra di Castel Volturno, interessata da problematiche note e da irrisolte questioni sociali. In questo contesto operano le forze dell’ordine che assicurano la tutela della legalità. La Polizia di Stato, è tra i presidi territoriali più impegnati nel contrasto alla criminalità organizzata e ad ogni tipo di illegalità. In seguito ai … Continua a leggere

Porto d’armi: se non nascoste in luogo sicuro, è reato di omessa custodia

“I poteri discrezionali concessi all’amministrazione della p.s. dagli articoli 39 e 43 del t.u.l.p.s. (rispettivamente per il divieto di detenzione di armi e munizioni, e per la revoca della licenza di porto d’armi) non hanno natura e finalità sanzionatorie. Non implicano necessariamente un giudizio d’illiceità sui comportamenti dell’interessato; e non hanno come presupposto necessario che quei comportamenti siano stati giudicati illeciti in sede penale … Continua a leggere

Qualiano. «Noi? Invisibili…» Lettera di una guardia giurata

Maurizio di Benedetto, guardia giurata e Maestro di Arti Marziali, racconta la sua esperienza quotidiana a difesa della legalità  QUALIANO. Riceviamo la lettera firmata da Maurizio Di Benedetto, guardia giurata e “storico” maestro di arti marziali, attivo fin dal 1985 sul territorio di Qualiano e Villaricca, dove ha iniziato all’amore per lo sport e le discipline orientali tante generazioni di giovani.  … Continua a leggere