Sicurezza/ Assiv: In 2010 numero imprese -2%, dipendenti -6%

Il settore della vigilanza privata inverte la rotta e nel 2010 registra un calo sia delle aziende che dei dipendenti. Nel 2010, secondo quanto riferisce l’Assiv (l’Associazione delle imprese di vigilanza aderente a Confindustria su dati Inps) in un comunicato, il numero delle imprese che offrono servizi di vigilanza armata sono diminuite di oltre il 2%, scendendo a 860 unità rispetto alle 879 del 2009. Calo ancora più evidente per i dipendenti del comparto, scesi a 47.945 unità dai circa 51.000 del 2009, con una contrazione di oltre il 6%. La stessa percentuale di riduzione del 6% vale anche se si considerano solo i dipendenti con qualifica di guardia giurata, scesi da 45.817 a 43.310. Dai dati emerge un quadro differenziato su base territoriale: se Roma e Milano sono le città che insieme hanno il maggior numero di guardie giurate (10.580 pari al 24,4% del totale), la Puglia resta la regione con il più alto numero di imprese di vigilanza (109) e l’unica in controtendenza nel numero degli addetti (+ 5,2%). Mentre, sempre tra le regioni, il 33,17% (14.369 unità) delle guardie giurate vengono impiegate nel Lazio e Lombardia. Milano invece, tra le grandi città, registra il decremento maggiore di guardie giurate impiegate per la sicurezza (-424 unità pari a -10%), mentre a livello regionale il calo più sostenuto di imprese di vigilanza privata è della Campania (- 8%), Oristano è invece la provincia con meno guardie giurate (21 unità pari allo 0,04 % del dato nazionale). Le cifre, elaborate dall’ Assiv, si riferiscono alle imprese che hanno come riferimento il contratto collettivo nazionale di categoria della vigilanza privata con esclusione di cooperative e consorzi.

Sicurezza/ Assiv: In 2010 numero imprese -2%, dipendenti -6%ultima modifica: 2011-04-14T18:58:00+02:00da ggiurata
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento