Vigilanza privata: circolare sull’attuazione del D.M. 269

UFFICIO STAMPA UNAL

Nuove regole: il Ministero dell’Interno avvia il monitoraggio della stato di attuazione del D.M. n. 269 (Decreto sulla capacità tecnica)


E’ stata veicolata da parte del dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell’Interno una circolare  relativa allo stato d’attuazione del decreto ministeriale 1 dicembre 2010, n. 269 (cosiddetto decreto sulla capacità tecnica). La circolare premette che il D.M. 1 dicembre 2010, entrato in vigore il 16 marzo 2011, ha previsto, all’art. 8, che gli istituti già autorizzati a quella data debbono, entro diciotto mesi, adeguare le caratteristiche ed i requisiti organizzativi, professionali e di qualità dei servizi, secondo i parametri fissati dallo stesso decreto. Il termine per l’adeguamento delle strutture per il deposito e la custodia dei valori è di trentasei mesi.

MONITORAGGIO ATTUAZIONE D.M. n. 269

La circolare contiene, tra l’altro, disposizioni inerenti l’attività di monitoraggio che le Prefetture e Questure dovranno effettuare per raccogliere informazioni in merito allo stato d’attuazione del decreto ministeriale n. 269, in vista della scadenza dei 18 mesi previsti per l’adeguamento (settembre 2012).

CONFERENZE PROVINCIALI PERMANENTI

Per mezzo della circolare, il Ministero dell’Interno invita i territori a convocare tavoli permanenti (CONFERENZE PROVINCIALI PERMANENTI) così come già previsto dal vademecum operativo – circolare 557/PAS/U/004935/10089.D(1)Reg, del 24 marzo 2011. Le CONFERENZE PROVINCIALI PERMANENTI avranno il compito di esaminare le informazioni raccolte durante l’attività di monitoraggio e saranno composte, oltre che da rappresentanti delle Questure, da rappresentanti delle istituzioni interessate, in virtù delle rispettive competenze (Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Direttori Territoriali del Lavoro, INPS, INAIL, A.S.L., Agenzia delle Entrate, Ispettorati Territoriali del Ministero dello Sviluppo Economico).

Agli incontri della CONFERENZA PROVINCIALE PERMANENTE potrà essere chiamato un rappresentante dell’ASSIV.

DURATA LICENZE

A seguito delle modifiche apportate al TULPS dal Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5 recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni e di sviluppo”, la circolare specifica che la licenza per l’attività di vigilanza privata avrà durata di tre anni. La nuova periodicità sarà operativa per le licenze di prossimo rinnovo.

CAUZIONI

In merito alle cauzioni prestate tramite fideiussione bancaria o assicurativa, la circolare evidenzia che dovrà essere esibita annualmente la quietanza attestante l’avvenuto pagamento della relativa polizza.

SEMINARI FORMATIVI

Al fine di uniformare la condotta dei territori in merito all’applicazione delle disposizioni contenute nel D.M. n. 269, il dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell’Interno, pianificherà nelle prossime settimane una serie di seminari rivolti ai responsabili dei settori di polizia amministrativa delle Prefetture e delle Questure.

TARIFFE E DURC

La circolare reca anche un richiamo alla congruità delle tariffe in coerenza con la licenza e con il progetto organizzativo e tecnico-operativo dell’Istituto e alla necessità di esibizione annuale del DURC.

Vigilanza privata: circolare sull’attuazione del D.M. 269ultima modifica: 2012-04-24T11:27:00+02:00da ggiurata
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento