PORTO D’ARMI: SI TORNA ALLE CERTIFICAZIONI SANITARIE SEMPLIFICATE

Immagine

Il 14 settembre 2018 entra in vigore un decreto che sbloccherà la procedura semplificata per il rilascio delle certificazioni sanitarie per il riconoscimento del porto d’armi.

Il nodo normativo, creatosi a seguito del ricorso al Tar della porto d'armiregione Lazio, negli ultimi anni ha reso molto più difficile la procedura per il rilascio della certificazione medica utile al rilascio e al rinnovo Con questo nuovo decreto legge, portato avanti dalle diverse associazioni di categoria tramite l’interessamento della senatrice Anna Cinzia Bonfrisco e del sottosegretario Nicola Molteni (entrambi della Lega), tutto tornerà come prima.

I medici legali potranno tornare di nuovo a rilasciare le certificazioni sanitarie per il rilascio del porto d’armi, anche al di fuori delle strutture medico sanitarie in cui svolgono servizio.

Buone notizie quindi per i cacciatori, ma anche per le agenzie di vigilanza private, che con il ricorso al Tar erano stati penalizzati sia sul piano burocratico, più lungo e complicato, ma anche su quello economico.

L’interesse della senatrice Bonfrisco per la risoluzione di questo nodo burocratico è sorto soprattutto per non ritrovarsi con un’emergenza sicurezza in tutte quelle postazioni sensibili come ospedali, aeroporti, stazioni e tribunali. Con la vecchia procedura, infatti, le Asl faticavano a rilasciare le certificazioni sanitarie necessarie, e di conseguenza anche i rilasci del porto d’armi era più lento, costoso e macchinoso.

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2018/09/08/18G00127/sg

 

Circolare del Ministero dell’interno sul rinnovo dei titoli di Polizia alle Guardie Part. Giurate

Citazione

LEGGI LA>>>Circolare Ministero Interni del 07.03.2018 rinnovo titoli alle GPG

Con inizio dal 03 Aprile 2018

Il rinnovo dei TITOLI DI POLIZIA alle Guardie Particolari Giurate, verranno effettuati nel luogo dove ha residenza la Guardia Particolare Giurata non più dove risiede l’Istituto di vigilanza.

Porto d’armi: se non nascoste in luogo sicuro, è reato di omessa custodia

“I poteri discrezionali concessi all’amministrazione della p.s. dagli articoli 39 e 43 del t.u.l.p.s. (rispettivamente per il divieto di detenzione di armi e munizioni, e per la revoca della licenza di porto d’armi) non hanno natura e finalità sanzionatorie. Non implicano necessariamente un giudizio d’illiceità sui comportamenti dell’interessato; e non hanno come presupposto necessario che quei comportamenti siano stati giudicati illeciti in sede penale … Continua a leggere