Sparatoria di Casinalbo Il vigilante: “Ho fatto il mio lavoro”

Il luogo della sparatoria (foto Fiocchi)
Il luogo della sparatoria (foto Fiocchi)

Modena, 10 agosto 2010. «Stavo facendo solo il mio lavoro».Risponde al citofono di casa. E’ ancora scosso per quello che è successo. «Spero che tutto si risolva per il meglio, non posso dire nulla di più perché ci sono delle indagini in corso. Sentite dai miei legali». La guardia giurata, 38 anni, che ha esploso sette colpi di pistola, si è affidato agli avvocati di fiducia Cosimo Zaccaria e Alessia Massari. Dovrà difendersi dall’accusa di lesioni aggravate volontarie.

Questa l’imputazione con la quale è stato indagato dai carabinieri. Un atto dovuto che servirà per fare chiarezza su quello che è successo domenica pomeriggio nella zona industriale di via Ragazzi del ’99, a Casinalbo.

Erano le 17 circa quando si è trovato di fronte quattro ladri, pare slavi, che con un tombino stavano forzando la porta di una tipografia. «Mi hanno affrontato, io ho detto qualcosa ma non ricordo cosa e ho visto che alcuni venivano verso di me», ha raccontato a Luca Pacitti, responsabile risorse umane della divisione sicurezza di Coopservice.La stessa sequenza che ha riferito anche al legale Massari.

«E’ ancora sotto choc, ha visto più persone e sembrava che avessero qualcosa in mano (pare una mazza, ndr) e lui si è sentito in pericolo, ha avuto paura di essere aggredito quindi ha sparato in aria dei colpi dissuasori». Pare che la guardia non si sia accorto subito di aver colpito uno dei malviventi.

Su come sono andati realmente i fatti stanno indagando ora i carabinieri che hanno raccolto i sette bossoli e, insieme alla scientifica, hanno effettuato un sopralluogo con misurazioni per capire a che distanza siano stati sparati i colpi. Intanto resta gravissimo in terapia intensiva il ladro — all’apparenza uno slavo, ma fino a ieri sera non era ancora stato identificato perché non aveva documenti con sè — colpito a un polmone. Resterà piantonato in ospedale dai militari in stato di arresto per tentato furto aggravato. Questa mattina l’avvocato d’ufficio Ronsisvalle si informerà per l’udienza di convalida.

L’indagine è affidata al pm Fausto Casari. «Quella gente non doveva essere lì a rubare. Quindi la guardia giurata ha fatto solo il suo dovere». Questo il commento duro del consigliere regionale Pdl, Andrea Leoni. «Una volte terminate le indagini e se verrà confermata la versione del vigilante, mi auguro — conclude — che la guardia giurata che ha affrontato coraggiosamente quattro delinquenti non finisca sul banco degli imputati al posto dei ladri».

di VALERIA SELMI FONTE: IL RESTO DEL CARLINO

Sparatoria di Casinalbo Il vigilante: “Ho fatto il mio lavoro”ultima modifica: 2010-08-11T11:43:11+02:00da ggiurata
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento