Tagli alla spesa. Vigilanza Privata nel mirino del Governo Renzi

Camera - commissione bilancio audizione commissario spending review

Cottarelli cercherà di capire quali e quanti edifici pubblici sono controllati da forze di vigilanza privata.

Tagli alla spesa, Matteo Renzi ha bisogno di altri 17 milioni di euro per portare a stabilizzazione i tanti dossier da lui aperti, partendo dalla messa a regime del bonus di 80 euro anche per i prossimi anni, e per evitare che scattino le cosiddette clausole di salvaguardia per i tagli imposte dalle passate manovre volute dal governo di Enrico Letta e da quello di Mario Monti: entro il 2015 bisogna tagliare qualcosa come 14 miliardi di spese, più altre coperture da trovare per un totale di 17 miliardi di euro.

TAGLI ALLA SPESA, ECCO QUANTO MANCA – I conti li fa il Messaggero.Carlo Cottarelli sta cercando di trovare i soldi necessari. Servono 14 miliardi per stabilizzare il bonus 80 euro, 500 milioni per la riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione e un miliardo per la CIG in deroga, il tutto entro il 15 ottobre. Ma, se possibile, il governo ha intenzione di anticipare qualche misura, giusto per non trovarsi troppo “affollato” in autunno. I dossier sul tavolo del commissario straordinario alla Spending Review sono tanti: riforma delle politiche dell‘illuminazione stradale (via alle luci al LED, si spengano i lampioni non utili), razionalizzazione delle società municipalizzate che pesano sul bilancio dello Stato. Altro capitolo piuttosto importante è quello della razionalizzazione delle forze di polizia: tramontata l’ipotesi di accorpamento dipolizia e carabinieri e soppressione di forestali e penitenziari, si va verso un miglior coordinamento delle forze dell’ordine. Dove ci saranno più carabinieri, ci sarà meno polizia, e viceversa: verso la chiusura di centrali e commissariati non necessari.

TAGLI ALLA SPESA, LE RIFORME – Così come, sempre in tema di ordine pubblico, si cercherà di capire quali e quanti edifici pubblici sono controllati da forze di vigilanza privata, fra cui, incredibilmente, anche delle caserme dell’esercito. Altro capitolo di tagli sarà quello dei contributi e trasferimenti che lo Stato gira alle imprese, sotto forma di agevolazioni, come bonus sulle assunzioni e altri benefit che potrebbero essere definanziati “senza troppi complimenti”, anche perché se non ci penserà il governo, ci penseranno le clausole di salvaguardia previste dalle manovre Letta e Monti. giornalettismo.com

Tagli alla spesa. Vigilanza Privata nel mirino del Governo Renziultima modifica: 2014-07-02T12:17:07+02:00da ggiurata
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento