RAPINA AL BLINDATO A TERAMO

Rapina portavalori A14, individuato uno degli assalitori
SABATO 26 APRILE 2008

Teramo, 23 apr. Individuato uno dei tre rapinatori che nel settembre scorso, sulla rampa di accesso all’A14 dello svincolo di Mosciano Sant’Angelo (Te), rapinò un furgone portavalori che trasportava “gratta e vinci” e tabacchi per un valore di oltre 50.000 euro. E’ un napoletano, Pasquale Legnante, 34 anni. L’ordine di custodia cautelare, emesso dalla magistratura teramana, notificato nel carcere di Civitavecchia, dove l’uomo è in stato di arresto. I tre rapinatori agirono come un gruppo paramilitare, armati fino ai denti e provvisti di apparecchiature per neutralizzare le comunicazioni telefoniche via cellulare nel raggio di un chilometro. Con due auto e fingendosi poliziotti in borghese bloccarono traffico e portavalori e dopo aver picchiato il l’autista, lo incappucciarono, legarono e rinchiusero nel vano bagagli di una delle macchine, prima di liberarlo a circa cento chilometri di distanza. In carcere a Civitavecchia altri sei uomini, tutti napoletani, arrestati perché ritenuti responsabili di almeno venti colpi messi a segno, negli ultimi sei mesi, tra Abruzzo, Marche ed Emilia-Romagna. La rapina a Mosciano per gli investigatori è stata la prima della serie, e ha permesso non solo di ricostruire il modo di operare, ma anche di risalire alle identità dei componenti della banda. In questo modo, è stato bloccato l’ultimo colpo nel Lazio. I sette, infatti, sono stati arrestati in flagranza. A Teramo, intanto, le indagini coordinate dal sostituto procuratore Davide Rosati, tendono adesso a individuare quali altri due componenti della banda abbiano agito in complicità con Legnante

42b76d04bf0bc43065d348773610041d.jpg

RAPINA AL BLINDATO A TERAMOultima modifica: 2008-04-26T15:10:00+02:00da ggiurata
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento