Assalto a portavalori: perquisizioni nelle abitazioni dei tre banditi

04/04/2014 – 16:50

VITERBO – Quasi una scena da film d’azione quella che ieri mattina, poco prima delle 9, ha visto protagonista M.A., guardia particolare giurata di 57 anni, che a Castiglione in Teverina stava effettuando un trasporto di banconote per un valore di 36mila euro con l’auto dell’istituto di vigilanza privata per cui lavora.

“Alle porte del paese – raccontano gli uomini della Stradale in una nota – due uomini travisati a bordo in un’Alfa 156 di colore grigio, rubata la notte prima, gli hanno tagliato la strada e lo hanno costretto a fermarsi. Armati di una pistola e di un fucile a canne mozze – hanno sottolineato i poliziotti – dopo averlo minacciato, lo hanno costretto a consegnare l’arma di servizio, il cellulare ed il plico con il denaro che il vigilante avrebbe dovuto consegnare ad un istituto di credito della zona”.

Quindi, consumata la rapina, i due malviventi a forte velocità si sono allontanati in località Baschi, dove hanno abbandonato l’auto rubata, incendiandola, e poi sono fuggiti a bordo di una Volkswagen Passat grigia condotta dal terzo complice.

“Scattato l’allarme – hanno aggiunto dagli uffici di piazzale Romiti – la sala operativa della Questura ha allertato le altre forze di polizia e diramato le ricerche della Passat che, poco dopo, è stata avvistata ed inseguita dagli agenti della sottosezione della Polstrada di Roma Nord, in autostrada”.

Nonostante il tentativo di fuga, gli agenti sono riusciti a bloccare ed arrestare B.S., 38 anni, P.P.D.F., 28, e M.P., 39, tutti del foggiano, recuperando la refurtiva e le armi, che sono state sottoposte a sequestro.

“Abbiamo eseguito perquisizioni nelle abitazioni dei malviventi in Puglia e sequestrato altro materiale utile a fini investigativi”, hanno detto in conclusione gli investigatori.

Le indagini, tuttora in corso, sono coordinate dalla Procura di Rieti.

Assalto a portavalori: perquisizioni nelle abitazioni dei tre banditiultima modifica: 2014-04-05T19:55:36+02:00da ggiurata
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento