Sospesi due poliziotti: “vigilantes” per conto proprio

 Il personale della Squadra Mobile di Sassari e del Commissariato di P.S di Olbia ha dato esecuzione a due ordinanze cautelari emesse dal G.I.P. del Tribunale di Tempio, su richiesta del Sostituto Procuratore dott. Beccu, nei confronti di un Ispettore Capo della in servizio presso il Commissariato olbiese e di un Assistente Capo in servizio presso il Reparto Prevenzione Crimine Sardegna di Abbasanta.

Il provvedimento prevede l’interdizione dal servizio. L’attività di indagine è stata avviata a seguito di una serie di controlli, disposti ed effettuati dalla Questura di Sassari, per delle presunte irregolarità commesse da talune società di vigilanza, che operano nella costa nord orientale della Sardegna.

Durante l’indagine gli investigatori hanno accertato che gli indagati svolgevano abusivamente attività di vigilanza, avvalendosi di una società da loro gestita e intestata a dei prestanome e che, abusando della loro qualità di appartenenti alla Polizia di Stato, con fare allusivo e intimidatorio, esercitavano pressioni psicologiche nei confronti di coloro che rivendicavano mancati pagamenti per i servizi prestati.

Dalle indagini risulterebbero inoltre attività di protezione a favore dei Vip smeraldini svolte utilizzando il proprio ruolo di agenti di polizia giudiziaria. Inoltre per il solo Assistente Capo il G.I.P. ha attribuito l’ulteriore reato di calunnia nei confronti dei colleghi della Squadra Mobile di Sassari per averli accusati di aver svolto delle perquisizioni in modo illecito presso uno dei luoghi dove egli svolgeva, abusivamente, attività di vigilanza.

A seguito della esecuzione delle misure sono state subito attivate, nei confronti degli indagati, le procedure amministrative previste dalla legge a seguito della esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare di sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio.

Sospesi due poliziotti: “vigilantes” per conto proprioultima modifica: 2014-06-23T16:54:40+02:00da ggiurata
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento